Home / Osservatori / Osservatorio sulla normativa / Il pacchetto dell'Unione europea per ‹‹migliorare la gestione dei flussi migratori›› e la fragilità delle politiche comunitarie

Il pacchetto dell'Unione europea per ‹‹migliorare la gestione dei flussi migratori›› e la fragilità delle politiche comunitarie

Il pacchetto dell'Unione europea per ‹‹migliorare la gestione dei flussi migratori›› e la fragilità delle politiche comunitarie

di Mariaflavia Casatelli
 
Lo scorso 24 maggio, la Commissaria europea per gli Affari Interni Cecilia Malmstrom ha presentato alla stampa un pacchetto di proposte sul tema dell'immigrazione COM/2011/248, che verranno esaminate il prossimo 9 giugno dal Consiglio Giustizia e Affari Interni.

La comunicazione di Bruxelles racchiude alcune misure atte a gestire il fenomeno migratorio soprattutto a fronte delle recenti agitazioni politiche del mondo arabo e delle conseguenze che queste hanno prodotto proprio nel campo della migrazione e dell'asilo. In particolare, l'Unione sarebbe pronta a creare una politica comune d'asilo entro il 2012, a rafforzare il controllo alle frontiere esterne attraverso il potenziamento di Frontex, a modificare il regolamento dei visti CE n. 539/2001 del Consiglio con l'introduzione di una clausola di salvaguardia che dovrebbe consentire la reintroduzione dell'uso dei visti ‹‹in caso di improvvisi aumenti di flussi migratori››, ad avviare un partenariato con i paesi del mediterraneo meridionale, affinchè siano adottate tutte le misure necessarie per prevenire l'immigrazione irregolare e consentire il rientro dei cittadini che non hanno titolo per rimanere in Europa. Sostanzialmente, l’UE si impegna da un lato a garantire assistenza a tutti i cittadini stranieri che ne hanno bisogno attraverso la protezione umanitaria e l’asilo, dall’altro a controllare le frontiere per impedire l’ingresso selvaggio dei migranti economici.
Nella introduzione alla Comunicazione comunitaria si legge che ‹‹lo sviluppo della politica di migrazione dell'UE continua ad essere ostacolato da sfide notevoli. La vulnerabilità di alcune parti delle frontiere esterne dell'Unione, specialmente nel Mediterraneo meridionale e al confine terrestre tra Grecia e Turchia, ne è un chiaro esempio››. Il contesto geopolitico attuale e le questioni emergenziali degli ultimi mesi costituiscono sicuramente un limite all'evoluzione positiva di tali politiche. Gli esodi massicci provenienti dai Paesi nordafricani hanno infatti esposto l'Europa e, soprattutto alcuni suoi paesi tra cui il nostro, a sforzi abbastanza gravosi soprattutto in termini di accoglienza. Ma i riflessi della primavera araba sul vecchio continente inducono anche ad un momento di riflessione sulle previsioni normative sovranazionali. La dimensione europea del fenomeno migratorio è abbastanza recente; probabilmente anche per tale ragione è ancora relativamente fragile: si consideri che, come noto, solamente con l'Atto unico europeo del 1986  vi si è dato rilievo e che nei periodi antecedenti, l’Europa non aveva avvertito l’esigenza di porre in essere politiche migratorie comuni, in quanto l’immigrazione era ancora in una fase sostanzialmente embrionale, lontana da esigenze che necessitavano una sua tutela in senso comunitario.
Si tralasciano in questa sede le tappe fondamentali che hanno contraddistinto la politica dell’Unione nella materia dell’immigrazione e che hanno quindi contribuito all’evoluzione del diritto europeo dell’immigrazione, per soffermarsi sugli interventi più recenti, che costituiscono il background su cui si innestano i tentativi di revisione.
Le ambizioni di una politica comune in materia di immigrazione sono recentemente riemerse nella Comunicazione 2008/359 avente ad oggetto ‹‹Una politica d’immigrazione comune per l’Europa: principi, azioni e strumenti››. Tale comunicazione era improntata su tre aspetti fondamentali, quali la prosperità, la solidarietà e la sicurezza. In merito alla prosperità, l’Unione avrebbe dovuto muoversi tenendo in considerazione il contributo che l’immigrazione porta allo sviluppo sociale ed economico dell’intera Europa, predisponendo, perciò, delle misure e delle regole certe, chiare e non discriminatorie, anche attraverso degli interventi di assistenza e sostegno direttamente nei paesi di origine degli immigrati, in linea con il Trattato di Lisbona. Il principio di solidarietà si fonderebbe invece su di un coordinamento tra gli Stati membri e la cooperazione con i Paesi terzi, al fine di combattere l’immigrazione clandestina, attraverso forme di partenariato realizzabili con accordi anche bilaterali. L’ultimo punto, la sicurezza, non poteva non essere agganciata a forme di controllo delle frontiere, come strumento per la lotta alla immigrazione illegale, accompagnata da una seria e comune politica dei visi di ingresso.
Tra le più attuali iniziative comunitarie a sostegno di quella politica comune in materia di immigrazione ed asilo, è da annoverare la proposta francese di un Patto europeo sull’immigrazione ed asilo, divenuta realtà nel 2008, con la sua adozione da parte del Consiglio europeo. Definito da Brice Hortefeux (Presidente del Consiglio Giustizia e Affari Interni dell’Unione europea per le questioni in materia di asilo e immigrazione) come ‹‹il giusto compromesso di cui l’Europa ha bisogno››, il Patto rifiuta ‹‹ogni approccio estremo, di chiusura totale o di apertura senza limiti››, in vista di una strategia comune nella disciplina delle questioni dell’immigrazione e dell’asilo che non abbandona quella logica binaria tra integrazione e lotta alla clandestinità, da sempre elemento caratterizzante le politiche migratorie europee.

Casatelli.pdf 287,31 kB

Editoriali

Diritto alla privacy e lotta al terrorismo nello spazio costituzionale europeo

di Salvatore Bonfiglio

La rivoluzione digitale sta segnando fortissimi cambiamenti, che sono in un certo senso paragonabili per importanza a quelli che si registrarono dopo la rivoluzione industriale tra il XVIII e il XIX secolo. Non è un caso che, com’è noto, proprio alla fine dell’Ottocento fu teorizzato il right of privacy definito, in un noto articolo di Warren e di Brandeis [1], come right to be let alone. Nella società industriale l’anonimato urbano fece sorgere nelle persone e, soprattutto, nella borghesia cittadina, il desiderio di difendere l’intimità privata contro l’ingerenza dei giornali. 

di Lina Panella

Il 28 giugno 2012 il Comitato dei diritti dell’uomo della Società italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI) ha organizzato un convegno in memoria della prof.ssa Maria Rita Saulle, ad un anno dalla scomparsa, dal titolo “I diritti umani nella giustizia costituzionale ed internazionale”. Alla presenza del marito prof. Francesco Durante e di numerosissimi colleghi sia del mondo accademico che della Corte Costituzionale, la poliedrica figura della prof.ssa Saulle è stata  ricordata a quanti hanno avuto il privilegio di  conoscerLa e lavorare al Suo fianco con alcune relazioni  scientifiche su particolari problematiche  che  erano state Suo oggetto di indagine privilegiato.

di  Marco Ruotolo

In un illuminante saggio del 2001, Alessandro Baratta affermava che l’enucleazione di un “diritto fondamentale alla sicurezza” non può essere altro che il “risultato di una costruzione costituzionale falsa o perversa” . Se tale preteso diritto si traduce nella “legittima domanda di sicurezza di tutti i diritti da parte di tutti i soggetti”, la costruzione è “superflua” e comunque la terminologia è fuorviante. Siamo, infatti, nel campo della “sicurezza dei diritti” o del “diritto ai diritti”, identificabile anche come “diritto umano ai diritti civili”, non già in quello proprio del “diritto alla sicurezza”. Se, invece, parlando di diritto alla sicurezza si intende selezionare “alcuni diritti di gruppi privilegiati e una priorità di azione per l’apparato amministrativo e giudiziale a loro vantaggio”, la costruzione è “ideologica”, funzionale ad una limitazione della sicurezza dei diritti attraverso l’artificio del “diritto alla sicurezza”.